Vuoi intraprendere un bel viaggio tra le montagne austriache a bordo del tuo mezzo motoristico a due ruote? Ti consiglio di salire sul mitico Grossglockner in moto, una vetta tanto ambita dagli appassionati e in grado di suscitare la felicità di tutti coloro che intendono intraprendere una scalata del genere. Conosciamo insieme le caratteristiche principali di una montagna dalle radici molto antiche, fornendoti un itinerario per vivere un viaggio da sogno. Ovviamente, sempre sulla sella della tua moto.

Dove si trova il monte Grossglockner

Prima di partire per il monte Grossglockner, è necessario conoscere la sua posizione geografica. Per arrivare alle pendici della cima, non devi fare altro che superare la Val Pusteria, superare il confine con l’Austria ed immergerti in un mondo tutto nuovo. Si trova tra le regioni della Carinzia e del Tirolo Orientale e appartiene al gruppo del Glockner, costituendone la vetta più elevata in assoluto. In generale, si trova nel massiccio degli Alti Tauri. La sua altitudine sfiora i 3800 metri e non a caso è conosciuto anche col soprannome di Gigante d’Austria, proprio grazie al suo aspetto imponente e al tempo stesso molto suggestivo.

Se vuoi puoi dare una sbirciata a cosa ti aspetterà guardando le webcam posizionate in vari punti della strada del Grossglockner visitando il portale ufficiale.

Un luogo dalla storia ultrasecolare

Se scegli di intraprendere un bell’itinerario a due passi dalla vetta del ghiacciaio del Grossglockner, sappi che hai a che fare con un luogo dalla storia piuttosto antica. La prima scalata in assoluto risale al 1800 da parte di un quintetto di alpinisti, ma degna di nota è la visita dell’imperatrice Sissi e del marito Francesco Giuseppe d’Austria, effettuata poco più di mezzo secolo dopo. Una storia davvero ricca di spunti di interesse che si è protratta fino ai giorni nostri. La montagna è stata percorsa per due volte dalla carovana del Giro d’Italia di ciclismo, nel 1971 e nel 2011.

Prima di partire controlla il meteo del Grossglockner (verifica qui il tempo previsto),  non sarebbe la prima volta che qualcuno si trova il passo chiuso per brutto tempo!

Un itinerario perfetto per un viaggio da urlo

Per goderti fino in fondo lo spettacolo del Grossglockner, ti consiglio un tour che parte da Lienz, nel Tirolo, per poi arrivare a Kitzbuehel. Puoi arrivare a Lienz attraversando uno dei numerosi passi al confine con l’Italia, per poi transitare lungo la cittadina di Heiligenblut am Grossglockner. Passa al casello e ricevi una comoda cartina, dopo aver pagato il pedaggio, con la quale può essere sicuro di percorrere il tuo tragitto senza compiere errori.

Edelweisspitze

Ti accingi lungo una strada formata da ben 36 curve, con un asfalto assolutamente di ottimo livello per chi si mette alla guida di una moto. Prosegui per Kaiser-Franz-Josefs-Höhe e torna sulla via principale, toccando il valico di Hoctor. Effettua una nuova deviazione verso l’Edelweiss-Spitze, una strada stretta che ti conduce fino ad un belvedere posto ad un’altezza di ben 2500 metri, o poco più. Infine, costeggia il lago di Zell per arrivare finalmente a Kitzbuehel. Ed è così che hai percorso nel giro di poco tempo la prestigiosa Grossglockner Hochalpenstrasse.

Ho aggiunto all’itinerario la strada più veloce per fare la strada alpina del Grossglockner in moto da Milano (poco fattibile in giornata dati i kilometraggi 🙂 ).

Qui sotto puoi trovare la strada e la mappa del Grossglockner con 2 itinerari da fare in moto.

Elementi da scoprire sul Grossglockner in moto

Cosa c’è da vedere lungo il tuo tragitto sul tuo mezzo a due ruote? Prima di tutto, ti consiglio di farti un giretto per Lienz, punto di partenza che viene soprannominata la perla delle Dolomiti. Un luogo di straordinaria bellezza, caratterizzato da un paesaggio mozzafiato. Prosegui poi osservando il ghiacciaio del Pasterze, il più lungo delle Alpi Orientali con i suoi 8,4 chilometri di estensione. Il suo fascino resta intatto nonostante un ritiro che sembra inarrestabile.

Nei pressi del laghetto Fusch, puoi osservare una trentina di cime davvero incantevoli e imbatterti in uno stambecco o in una marmotta, entrando in simbiosi con la fauna circostante. Molto bella è anche la vista diretta sul lago di Zell, dalle acque pulite e limpide.

Cosa vedere nei dintorni del monte austriaco

Se vuoi conoscere al meglio anche le vicinanze del Grossglockner, ti consiglio di farti un giretto nel parco naturale degli Alti Tauri. Al suo interno, puoi intraprendere un’ulteriore escursione in moto sulla cima del Großvenediger, altro autentico gigante delle Alpi Orientali.

Infine, ti suggerio una visita rapida alla vicina località di Zell am See, con una suggestiva città medievale e un’interessante stazione sciistica. Le opportunità per vivere questa esperienza tutta d’un fiato non mancano.

Dove Dormire

Non è facile fare un giro del genere in giornata, soprattutto se non si abita in Friuli Venezia Giulia, Veneto o Trentino Alto Adige. In questi casi può sicuramente tornare utile fare una tappa di una notte in un hotel o in un B&B per recuperare le forze.

Ecco dove dormire nelle vicinanze del Grossglockner in moto:

Se non hai trovato una struttura che ti aggrada prova a cercare tra tutte le strutture vicine al Grossglockner.

Queste invece sono le località e i paesi vicini per soggiornare vicino al Grossglockner:

Buona strada!

Riccardo

Ti è piaciuto l'articolo?
[Voti: 12 Media Voto: 5]
Sono un appassionato di viaggi in moto, d'inverno mi piace scendere per le piste con il mio snowboard e fin dall'infanzia sono un fanatico del web. Ah, dimenticavo: polenta e salsiccia mi accompagnano durante tutto l'anno ;)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here